Immagine

Condor finds growth potential in Algeria

The Batimatec International Exhibition of Building, Construction Material and Public Works show in Algiers took place in May.

A company spokesman for Italian scaffolding provider Condor Group said Algeria presented great opportunities thanks to a solid economy. “The macroeconomic framework is solid and continues to be characterised, especially in financial terms, by positive indicators.

“The [country’s] current investment plan, in fact, is focused on infrastructure development: roads, highways, civil and industrial infrastructures, supermarkets, sports centres and construction.”

The Algerian government, in powere since September 2012, prioritised the construction of 1 million residential properties, according to Condor. “In addition, the second half of 2013 marked the operational phase of these projects, which were undertaken in all major cities of the country,” said the spokesman.

There were more than 1000 exhibitors at the 17th edition of the Batimatec show, with an Italian pavilion of 1000 square metres. The MENA region  – Middle East and North Africa – is of particular interest to Condor which has offices located in Jeddah, Saudi Arabia, Bucharest, Romania and Moscow, Russia.

Visitors to the Condor stand were especially interested in formwork and tower structures, said the company.

97654_2_preview

Annunci

Condor Group investe in formazione

Francesco Petrosino

Il 2014 si è aperto nel segno della ricerca per Condor Group – industria specializzata in prodotti innovativi per edilizia ed infrastrutture – grazie al progetto formativo promosso per valorizzare i giovani del territorio. Siglate tre importanti partnership con l’Università di SalernoCorCE Campania e Business School del Sole 24Ore, tramite Confindustria Assafrica & Mediterraneo, finalizzate a stage e tirocini di inserimento nell’area marketing e comunicazione, con particolare attenzione all’internazionalizzazione ed ai social media.

I giovani sono la nostra prima risorsa – spiega Francesco Petrosino, Direttore Generale di Condor Group – basti pensare che su circa 100 dipendenti, l’età media in azienda è di 32 anni. Come imprenditore sento la responsabilità di fare la mia parte per valorizzare il nostro territorio, soprattutto in un periodo di crisi, offrendo l’opportunità ai talenti più meritevoli di trasferire le proprie competenze alla ricerca applicata e concludere un percorso virtuoso”.

Il progetto avviato con il master “Project Management e Sviluppo Internazionale” del Sole 24Ore, prevede tre moduli principali: Cooperazione e sviluppo internazionale; Internazionalizzazione, Scelte strategiche d’impresa e marketing, e Progettazione a livello europeo e internazionale.

Abbiamo deciso di attivare una collaborazione con la Business School del Sole 24Ore – afferma Pierluigi d’Agata, Direttore di Confindustria Assafrica & Mediterraneo – perché questa ci permette di dare la possibilità alle nostre associate, come Condor Group, di ospitare giovani allievi del master per uno stage in azienda. Con un taglio fortemente operativo, l’obiettivo è di formare figure professionali competenti, per sviluppare il processo di internazionalizzazione specie delle piccole e medie imprese italiane”.

CondorL’azienda, dotata di un Centro di ricerca, sviluppo e controllo qualità, è presente anche in Maghreb, Serbia, Romania, Russia, Ucraina, Bosnia Erzegovina, Arabia Saudita, Qatar ed Emirati Arabi.

Per essere competitive nei mercati globali – a parlare è Riccardo Resciniti, Direttore Scientifico del master CorCe Campania – oggi le imprese devono essere in grado di pensare internazionale e questo richiede risorse e competenze specializzate. L’attenzione rivolta da Condor al nostro corso di alta formazione, quale partner, ne testimonia con evidenza la sensibilità verso queste tematiche”.

Avviata anche la collaborazione con il corso in Lingue e culture stranieredel Dipartimento di Studi Umanistici (DipSUm), presso l’Università degli studi di Salerno.

“Per permettere ai laureati un efficace inserimento nel mondo del lavoro – racconta Sabrina Galano, Delegata Tirocini e Placement del Dipartimento di Studi Umanistici – il corso di studi opera un’intensa attività di orientamento in uscita, attraverso la stipula di convenzioni con enti e aziende qualificate del territorio, in modo da permettere il flessibile adeguamento del  laureato ad una pluralità di mansioni professionali negli ambiti della comunicazione e dei servizi, dell’interculturalismo e dell’internazionalizzazione, nonché ad attività nell’area economica”.

Condor Group ha già attivato una serie di convenzioni anche con il Politecnico di Milano e con gli atenei di Benevento e Napoli, per favorire la ricerca e lo sviluppo di prodotti innovativi.

Macchine Edili

http://www.macchineedilinews.it

LA CULTURA DELLA SICUREZZA PER TUTELARE LA SALUTE E PREVENIRE INCIDENTI

Sempre più numerosi gli incidenti professionali dovuti ogni anno a crolli di palchi o a carenze nella prevenzione, nell’ambito di manifestazioni, spettacoli e fiere.

Per far fronte a questa emergenza, il 21 febbraio scorso l’ex ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Enrico Giovannini, ha firmato il decreto interministeriale sulla sicurezza dei palchi e degli allestimenti. Un decreto che colma un vuoto normativo in materia di salute, durante l’allestimento e il disallestimento di palchi per spettacoli musicali, teatrali e cinematografici, e di strutture per manifestazioni fieristiche.

In particolare, sono stati finalmente chiariti i casi in cui è doveroso attivare l’organizzazione prevista per i cantieri temporanei o mobili e, di conseguenza, quelli in cui è necessario l’ausilio del coordinatore della sicurezza, sia in fase di progettazione che di esecuzione di lavori, per la tutela della salute e della sicurezza degli operatori che svolgono la loro attività in questo settore.

Condor Group – industria specializzata nella progettazione e produzione di ponteggi, casseforme per pareti e per solai, strutture di sostegno, blindaggi per scavi in sicurezza, strutture per lo spettacolo, tribune e palchi – ha accolto favorevolmente il provvedimento, in linea con la politica della governance in tema di responsabilità sociale.

L’azienda, infatti, da anni ha avviato un percorso virtuoso, investendo sulla cultura della prevenzione per ridurre il rischio di infortuni e migliorare le condizioni di lavoro.

Da questo punto di vista, ha già realizzato due brevetti internazionali: il Risk Free, un ponteggio a telai che consente al personale addetto al montaggio ed allo smontaggio, di operare in sicurezza anche senza supporto di dispositivi anticaduta; ed il sistema Multicom, che permette di realizzare senza rischi ponteggi di facciata di ogni tipo, torri di sostegno o di getto per solai, scale pubbliche con altezze fino a 60 metri, coperture fino a luci di 30 metri, passerelle pedonali, scale pubbliche e di emergenza, palchi e tribune per manifestazioni sportive o di spettacolo, oltre ad opere speciali.

Ma le iniziative messe in campo da Condor non finiscono qui. Dopo aver ideato le casseforme per solai con montaggio in sicurezza per evitare il rischio di cadute, all’interno del suo Centro di ricerca, sviluppo e controllo qualità, è stato costituito anche un gruppo di lavoro dedicato a progetti formativi e sperimentali, con l’obiettivo di lanciare sul mercato prodotti sempre più innovativi, conformi ai principali standard europei di sicurezza.